News

Manifesto workshop ottobre 2018
Workshop ‘metodologie e tecniche di teatro sociale e di comunità’

condotto da Fabio Tolledi ( Docente Storia del Teatro – Università del Salento, Vice Presidente della rete mondiale dell’International Theatre Institute – ITI UNESCO)

20 e 21 ottobre 2018 dalle 9.30 alle 12.30
laboratorio urbano Haustheater San Donato di Lecce
s.p. San Donato di Lecce- Galugnano

Il Teatro Sociale è un movimento molto ampio e potente nell’arte teatrale, che si è sviluppato in Europa e in America nella seconda metà del XX secolo, assieme alle live art performance, alle installazioni artistiche e altri movimenti che hanno influenzato e reindirizzato l’arte moderna. Un periodo importante del teatro sociale negli anni ‘60 coincise con una nuova ondata di movimento teatrale amatoriale e lo sviluppo di festival teatrali nazionali e internazionali.. Oggi il termine “teatro sociale” comprende numerose varietà di pratiche teatrali per il reinserimento sociale di bambini con particolari problematiche e di persone diversamente abili, il coinvolgimento di una parte della società solitamente marginalizzata (migranti, detenuti, ecc.) nella pratica artistica; la risoluzione di conflitti (sociali o militari), l’interpretazione di gravi problemi.
L’intervento del teatro sociale intende lavorare con le comunità, per favorire la partecipazione, l’inclusione e la consapevolezza. Una domanda di partenza è: come gli operatori del teatro sociale possono avvicinarsi alle persone? L’approccio è quindi relazionale, comunicativo, partecipativo. Le azioni del Teatro sociale sono strettamente legate ai territori, ai contesti, alle storie e alle culture. Promosse da artisti, operatori culturali, ricercatori, agenti sociali, mirano a produrre un cambiamento sociale, attraverso azioni a base comunitaria con effetti moltiplicatori. L’interazione tra le arti performative, la ricerca sociologica, le azioni di cittadinanza attiva può produrre nuove pratiche di mediazione sociale, promuovere l’empowerment sociale, generare nuove esperienze legate all’interculturalità, alla memoria, alla diversità, alla rielaborazione di narrazioni individuali o della comunità, inclusione di persone e gruppi emarginati, economicamente e socialmente svantaggiati, lavoro intergenerazionale, favorendo nuove collaborazioni tra le parti interessate.

Attività prevista nell’ambito del progetto
‘Donato è il suo nome. Vescovo di Arezzo. Martire’ –progetto triennale finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito dell’Avviso pubblico per le Attività culturali FSC 2014-2020.

info e costi
teatrodeiveleni@gmail.com
segreteria.antidotumdonati@gmail.com
3896986894 3200264370

Locandina acrobatica aerea
Rebel circus e Teatro dei Veleni presentano

CORSO DI ACROBATICA AEREA (tessuto, trapezio, cerchio)
per ragazzi e adulti
Struttura delle lezioni:
– risveglio muscolare;
– potenziamento a terra e sugli attrezzi;
– apprendimento delle figure tecniche sugli attrezzi;
– ricerca del proprio stile di movimento sugli attrezzi;
– lavoro sulla creazione di sequenze e coreografie sugli attrezzi in relazione alla musica;
– allungamento muscolare.
Frequenza
da Ottobre a Giugno: un incontro settimanale di 2 h (giorno e orari da stabilire)

Dove
San Donato di Lecce (Le)
Laboratorio Urbano “Haustheater” (S.P. San Donato – Galugnano)

INFO E CONTATTI
3896820892 – 3899920044
teatrodeiveleni@gmail.com rebelcircus1986@gmail.com

2 convegno.pages

Lunedi 24 settembre 2018 ore 18
Seconda giornata del Convegno di studi:
“Il culto di San Donato – testimonianze, arte, storia, etnoantropologia”
Memoria e Rito tra arte e cultura popolare

questo il tema che concluderà i lavori inaugurati il 13 settembre a San Donato di Lecce.
Il convegno, organizzato dal Comune di San Donato di Lecce con il supporto della direzione artistica e organizzativa di Teatro dei veleni Soc. Coop. Sociale, nell’ambito del progetto “Donato è il suo nome. Vescovo di Arezzo. Martire” coofinanziato dalla Regione Puglia grazie al Bando Attività Culturali, vede la partnership della Pro Loco di Montesano Salentino che ospita questa seconda giornata. Altri partner di progetto sono Associazione delle Città di San Donato e Coop. Sociale Gigas.

Durante la prima giornata, caratterizzata da un’importante presenza di pubblico tra studiosi, appassionati, fedeli e semplici curiosi, si è posto l’accento sul culto di San Donato dal punto di vista etnopsichiatrico, con importanti approfondimenti sul concetto di morbus sacer e sugli aspetti antropologici e sociali dei gesti e dei riti legati al Santo; si è chiarito inoltre il ruolo della comunità come supporto salvifico e le potenzialità delle azioni di teatro sociale tese alla catarsi comunitaria.

Questa seconda giornata, dal titolo “Memoria e Rito tra arte e cultura popolare”, si soffermerà su studi iconografici, con uno sguardo a livello nazionale e un approfondimento sul caso della statua del Santo Patrono di Montesano Salentino per poi analizzare i caratteri distintivi della Festa e del Rito nella memoria popolare.

Introduce i lavori e coordina Martina Calò, saluti del Sindaco di Montesano Salentino Giuseppe Maglie, del Sindaco di San Donato di Lecce Alessandro Quarta e del presidente Provinciale U.N.P.L.I. Rocco Sparascio; intervengono Maura Lucia Sorrone, dottore di ricerca Università del Salento, Donato Margarito, insegnante di materie letterarie, Antonio Ingrosso, cultore della materia.

L’appuntamento è per lunedi 24 settembre alle ore 18 presso la nuova sede del comitato regionale U.N.P.L.I. Puglia II in via Unità d’Italia 17 a Montesano Salentino, al termine dei lavori verrà rilasciata attestazione utile ai fini della richiesta di crediti formativi.

Per info:
segreteria.antidotumdonati@gmail.com
teatrodeiveleni@gmail.com
3460055069 – 3200264370

Senza titolo.pages

SCUOLA DI TEATRO
a.a. 2018-19

IL CORPO SCENICO
Teatro e Bioenergetica

laboratorio di formazione teatrale 2018-19

Da oltre un decennio, il ‘Corpo Scenico: teatro e bioenergetica’ propone un percorso di formazione attoriale innovativo ed efficace, applicato in ambito internazionale che prevede il connubio tra il training teatrale e le classi di esercizi di bioenergetica, offrendo un valido strumento di crescita e consapevolezza personale. Il laboratorio teatrale si presenta come uno spazio privilegiato dove scoprire la propria emotività e sperimentare le abilità comunicative e relazionali.

Materie di insegnamento

Il training dell’attore
Il corpo scenico
L’ azione scenica
La voce
Dizione e fonetica
La maschera in teatro – storia e tecniche di utilizzo
Le tecniche di lettura
Studio del personaggio
Storia del teatro

Classi di esercizi di bioenergetica

La conduzione sarà di Alessandra Cocciolo Minuz, Regista,Responsabile Didattica e Formazione della Cooperativa Sociale ‘Teatro dei Veleni’, mentre gli incontri di Bioenergetica saranno condotti dalla Psicoterapeuta Dott.ssa Rossana Colonna, Conduttrice di Classi di Esercizi di Bioenergetica – Socio S.I.A.B. ( Società Italiana Analisi Bioenergetica) e I.I.B.A. ( International Institute of Bioenergetic Analysis)

Tempi
da Ottobre 2018 a Giugno 2019, per un totale di 150 ore.

Frequenza
da Ottobre a Marzo: un incontro settimanale di 2,5 h ( 20.00-22.30) ed un incontro intensivo domenicale mensile di 3,5 h ( 9.00-12.30);
da Aprile a Giugno: allestimento spettacolo, due incontri settimanali ( orario serale)

A fine laboratorio è previsto un allestimento teatrale.

Prova gratuita

RAGAZZI
‘GIU’ LA MASCHERA’

Laboratorio teatrale per sviluppare le abilità comunicative, superare le difficoltà relazionali e la gestione emotiva.

Materie di insegnamento:
Training dell’attore,
Il corpo sonoro,
Il corpo scenico,
Lo spazio scenico,
Tecniche di improvvisazione,
Elementi di mimo,
Storia del Teatro

Frequenza
Da Ottobre a Maggio
Un incontro settimanale di 2 h, in orario pomeridiano

A fine laboratorio è previsto all’allestimento di uno spettacolo teatrale.

Prova gratuita

BAMBINI
‘Propedeutica teatrale’

Incontri per educare i bambini/e alla scoperta della propria corporeità, sonorità ed emotività.
La dimensione ludico-teatrale aiuterà a gestire le emozioni, sviluppare l’autostima, la socializzazione e la cooperazione.

Frequenza
Da Ottobre a Maggio
Un incontro settimanale di 2 h, in orario pomeridiano

A fine laboratorio è previsto l’allestimento di uno spettacolo teatrale.

Prova gratuita

dove
San Cesario di Lecce (Le) Laboratorio Urbano “Palazzo Ducale”
San Donato di Lecce (Le) Laboratorio Urbano “Haustheater”

Info e contatti
teatrodeiveleni@gmail.com
3200264370 3896986894

Senza titolo.pages

Teatro dei veleni coop. sociale

IL CORPO SCENICO
Teatro e Bioenergetica

laboratorio di formazione teatrale 2018-19

Da oltre un decennio, il ‘Corpo Scenico: teatro e bioenergetica’ propone un percorso di formazione attoriale innovativo ed efficace, applicato in ambito internazionale che prevede il connubio tra il training teatrale e le classi di esercizi di bioenergetica, offrendo un valido strumento di crescita e consapevolezza personale. Il laboratorio teatrale si presenta come uno spazio privilegiato dove scoprire la propria emotività e sperimentare le abilità comunicative e relazionali.

Materie di insegnamento

Il training dell’attore
Il corpo scenico
L’ azione scenica
La voce
Dizione e fonetica
La maschera in teatro – storia e tecniche di utilizzo
Le tecniche di lettura
Studio del personaggio
Storia del teatro

Classi di esercizi di bioenergetica

La conduzione sarà di Alessandra Cocciolo Minuz, Regista,Responsabile Didattica e Formazione della Cooperativa Sociale ‘Teatro dei Veleni’, mentre gli incontri di Bioenergetica saranno condotti dalla Psicoterapeuta Dott.ssa Rossana Colonna, Conduttrice di Classi di Esercizi di Bioenergetica – Socio S.I.A.B. ( Società Italiana Analisi Bioenergetica) e I.I.B.A. ( International Institute of Bioenergetic Analysis)

Tempi
da Ottobre 2018 a Giugno 2019, per un totale di 150 ore.

Frequenza
da Ottobre a Marzo: un incontro settimanale di 2,5 h ( 20.00-22.30) ed un incontro intensivo domenicale mensile di 3,5 h ( 9.00-12.30);
da Aprile a Giugno: allestimento spettacolo, due incontri settimanali ( orario serale)

dove
San Cesario di Lecce (Le) Laboratorio Urbano “Palazzo Ducale”
San Donato di Lecce (Le) Laboratorio Urbano “Haustheater”

A fine laboratorio è previsto un allestimento teatrale.

Prova gratuita

INFO E CONTATTI
teatrodeiveleni@gmail.com
3896986894 – 3200264370

1 convegno.pages

Giovedi 13 settembre 2018 alle ore 18
“Haustheater – Laboratorio Urbano di San Donato”
Prima giornata del Convegno di studi:
“Il culto di San Donato – testimonianze, arte, storia, etnoantropologia”
Dal morbus sacer alla catarsi comunitaria

questo il tema che vedrà impegnati professori universitari ed esperti nella prima giornata del Convegno organizzato dal Comune di San Donato di Lecce con il supporto della direzione artistica e organizzativa della Soc. Coop. Teatro dei veleni, nell’ambito del progetto triennale “Donato è il suo nome. Vescovo di Arezzo. Martire” coofinanziato dalla Regione Puglia grazie all’Avviso Pubblico per presentare iniziative progettuali riguardanti le Attività Culturali – Patto per la Puglia – FSC 2014/2020, con la partnership di Associazione delle Città di San Donato, Pro Loco Montesano Salentino, Gigas coop. Soc. .

Dopo il lancio del brand territoriale Antidotum Donati e l’apertura dei laboratori di Teatro Sociale e di Comunità continuano le azioni di promozione e valorizzazione del territorio legate alla figura di San Donato coordinate da Teatro dei Veleni e promosse dal Comune di San Donato, capofila del progetto.

Il Convegno di studi intende porre l’accento sul culto di San Donato come patrimonio dell’intera comunità, studiarne le dinamiche per riconoscere le proprie radici e fare della tradizione un elemento distintivo e “strumento” di valorizzazione del territorio. Punto di partenza è il culto di San Donato e il rito ad esso connesso, inteso come mezzo per superare il “male” e raggiungere un equilibrio personale e di comunità. Fede, devozione, partecipazione, magia, terra, salvezza, diventano elementi dello stesso racconto, espressioni dell’inconscio collettivo teso verso la catarsi comunitaria.

Antidotum Donati è l’intento di creare coesione, inclusione, energia a partire dal territorio e dai legami profondi con la terra e i suoi riti.

Antidoto all’inezia, alla caducità dell’oggi, all’abbrutimento della società civile diventa l’intreccio di arti, paesaggio e chi lo abita.

Introduce i lavori e coordina Martina Calò, saluti del Sindaco di San Donato di Lecce Alessandro Quarta, intervengono Lia Giancristofaro, docente di Antropologia culturale Università degli Studi di Chieti, Eugenio Imbriani, docente di Antropologia culturale Università del Salento, Donato Margarito, insegnante di materie letterarie, Arpino Gerosolimo, psichiatra e Alessandra Cocciolo Minuz, regista, teatrante, formatrice.

Questa prima giornata del convegno si terrà giovedi 13 settembre alle ore 18 presso Haustheater s.p. San Donato – Galugnano, al termine dei lavori verrà rilasciata attestazione utile ai fini della richiesta di crediti formativi.
La seconda giornata dal titolo “Memoria e rito nella cultura popolare” si terrà invece a Montesano Salentino entro fine settembre ed è in fase di definizione.

Per info:
segreteria.antidotumdonati@gmail.com
teatrodeiveleni@gmail.com – www.teatrodeiveleni.it
3460055069 – 3200264370

MANIFESTO DEFINITIVO.pages

Al via i laboratori gratuiti di Teatro Sociale e di Comunità, a cura del Teatro dei Veleni, per ‘Donato è il suo nome. Vescovo di Arezzo. Martire’ – progetto triennale finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito dell’Avviso pubblico per le Attività culturali – Patto per la Puglia – FSC 2014-2020.
I partner attuatori del progetto sono il Comune di San Donato di Lecce – Capofila, Proloco Montesano Salentino, Associazione ‘ Città di San Donato’, Cooperativa Sociale a r.l. ‘ Teatro dei Veleni’, Cooperativa Sociale a r.l. ‘Gigas’.
Saranno attivati due laboratori, uno per ragazzi ed uno per adulti, finalizzati all’allestimento di una rievocazione storica sulla figura di San Donato, martire e si svolgeranno al laboratorio urbano Haustheater.

‘La metodologia Teatro Sociale e di Comunità si fonda sull’efficacia del teatro e delle performing arts per lo sviluppo dell’uomo e delle sue relazioni in ogni condizione di vita personale, professionale e comunitaria. I benefici della creazione di un’opera di Teatro Sociale e di Comunità rimangono nel tempo, grazie ai legami che questa forma artistica è in grado di creare generando un nuovo senso di appartenenza nella comunità coinvolta’- descrive Alessandra Cocciolo Minuz, direttrice artistica del progetto- ‘Favorisce la costruzione di capitale sociale e della sua logica fondativa del dono‐controdono. Ai corsisti verranno proposte tecniche specifiche per la costruzione di un percorso teatrale ed espressivo capace di sostenere e sviluppare le competenze relazionali e comportamenti prosociali che possano essere, progressivamente, proiettate nel più ampio contesto sociale di appartenenza’.

‘I laboratori teatrali sono uno step importante di questo progetto, il cui obiettivo è la creazione di un sistema integrato ed innovativo di promozione del turismo religioso e di valorizzazione e preservazione delle culture locali’- aggiunge Claudio Lettere che ne cura la direzione organizzativa – ‘Un’ azione multidisciplinare: religiosa, culturale, artistica, turistica con connotazione europea. Durante il triennio le attività, dal territorio locale, si amplieranno con ricadute sul territorio nazionale ed europeo’

Info e contatti:
teatrodeiveleni@gmail.com segreteria.antidotumdonati@gmail.com
www.teatrodeiveleni.it
Tel. 3200264370, 3896986894

manifesto teatro sociale.pages

Teatro dei Veleni Coop. Sociale curerà la direzione artistica e organizzativa del progetto triennale “Donato è il suo nome. Vescovo di Arezzo. Martire.”
Finanziato nell’ambito dell’Avviso pubblico per presentare iniziative progettuali riguardanti le Attività Culturali – Regione Puglia – Fondo per lo sviluppo e coesione – FSC 2014-2020 – “Patto per il Sud”

MANIFESTO DEFINITIVO.pages

UBU RE.pages

TEATRO DEI VELENI coop sociale – SCUOLA D’ATTORE
presenta

UBU RE
da Alfred Jarry
Adattamento testo e regia Alessandra Cocciolo Minuz

con gli allievi de ‘Il Corpo Scenico: teatro e bioenergetica’

Alessandra Marzo, Beppe Suppa, Carolina Attanasio, Francesco Micali, Giovanni Papadia, Mary Manno, Salvatore Mazzotta Samuele Greco, Viviana Sindaco

L’Ubu re di Alfred Jarry, dramma del 1896, è considerato un punto di partenza dell’avanguardia storica teatrale, così come il suo autore un rivoluzionario e innovatore. L’opera sfugge talmente agli schemi del teatro classico da farla sembrare quasi non-teatro. Se ci si ferma alla trama di Ubu roi, non si vede niente più che una storia come tante, dove un mediocre e rozzo generale, sobillato dall’ambiziosa moglie, uccide il proprio re e ne prende il posto. Subirà poi la reazione del figlio del re ucciso, che con l’appoggio di un alleato, lo sconfiggerà costringendolo all’esilio. Da Macbeth in poi una storia banale, verrebbe da dire. Ma è nel contesto di questa storia che trovano rappresentazione le più basse meschinità dell’uomo, le sue miserie e le sue contraddizioni. La rivoluzione di Jarry, tuttavia, non è tanto il “cosa” ma il “come”.
Sulla scena è tutto esagerato e innaturale: la declamazione, i gesti, i costumi, i cambi luce improvvisi, le musiche e gli effetti sonori ricorrenti e ossessivi.
E’ il grottesco a farla da padrone.

Sabato 30 giugno 2018 ore 21

Haustheater Laboratorio Urbano S.P. San Donato – Galugnano
presso impianti sportivi comunali San Donato (Le)

Ingresso 5 euro

Info: 3200264370 – 3896986894

teatrodeiveleni@gmail.com

www.teatrodeiveleni.com

Locandina 8 giugno
Teatro dei Veleni coop. sociale
nell’ambito della rassegna
“Voci dal Sud”

ospita

Enza Pagliara e Dario Muci in
“Canti di mare e di terra del Salento”

Venerdì 8 giugno 2018 ore 21.30

“Haustheater” Laboratorio Urbano di San Donato di Lecce
Strada Provinciale San Donato – Galugnano
presso impianti sportivi comunali

Ingresso 5 euro

Info: 320 0264370 389 6986894 teatrodeiveleni@gmail.com www.teatrodeiveleni.it

Enza PAGLIARA & Dario MUCI,
due tra le voci più intense del Tacco d’Italia da lungo tempo protagonisti di percorsi artistici di alto profilo, ripropongono canti dimenticati, raccolti da loro stessi dalla voce viva dei cantori del Salento. Li incarnano e li impastano coi tempi e le storie che vivono, svelando la vitalità del passato sullo sfondo del presente.
Un repertorio di canti tradizionali per voci, tamburelli e chitarra che unisce la ricerca alla riproposta, il femminile al maschile.
Se Enza Pagliara con dischi come “Frunte de luna” e “Bona Crianza” si è segnalata come una delle più intense interpreti della vocalità al femminile, Dario Muci con il progetto “Barberìa e canti del Salento” ha
gettato nuova luce sul repertorio dei musicisti barbieri, donando nuova vita ad un corpus di canti e musiche per lungo tempo finite nell’oblio.
Il nuovo progetto “Canti di mare e di terra del Salento” nasce dalla comune esigenza di rileggere uno straordinario corpus di canti appresi dalla voce degli anziani cantori salentini, mescolandoli a composizioni nuove ispirate alla realtà che li circonda, dando vita ad un incontro tra passato e presente.
Tra canti alla stisa interpretati a due voci come l’intensa “Canto alla Spiga” e struggenti canti d’amore come “Luce de l’occhi” si compone un affresco sonoro di rara bellezza e fascino nel quale perdersi lasciandosi affascinare, ora dai chiaroscuri, ora dagli incanti, ora ancora dalla potenza espressiva del canto della terra. Ricerca, riproposta e tradizione in movimento sono gli ingredienti di un’esperienza musicale da vivere con la stessa passione che Enza Pagliara e Dario Muci mettono nella loro musica.

Locandina Abitare il gesto 2
Seminario di consapevolezza scenica
Abitare il gesto
“ciò che esiti a dire, danzalo” (D. Dupuy)
SECONDO APPUNTAMENTO

Il lavoro proposto si focalizzerà sull’esattezza del gesto e dell’azione scenica a partire da un approccio analitico fondato sulla tecnica pedagogica di Alwin Nikolais e sulle teorie di Rudolf Laban. Ciò che si vuole stimolare e approfondire è la conoscenza delle possibilità espressive di ognuno e una maggiore organicità del corpo del danzatore/ attore affinché ogni movimento sia frutto di una scelta completa e consapevole. L’obiettivo a lungo termine è di rendere gli allievi completamente e continuamente consapevoli del loro corpo e dar loro la capacità, danzando, di rispondere a quattro domande fondamentali:
Dove è il corpo e in che direzione sta andando (Spazio)
Quando inizia il movimento e quanto tempo impiega a svolgersi (Tempo)
In quale posizione è il corpo e cosa fa (Forma)
Che tipo di energia impiega (Motion)

Il seminario si divide in due parti, la prima parte in cui si sperimenteranno diversi concetti attraverso esercizi mirati e variazioni coreografiche, la seconda parte sarà dedicata alle improvvisazioni.

Entrambe le parti della lezione sono pervase dal senso profondo e più poetico della danza. La tradizione della danza contemporanea e del teatrodanza europeo nasce dal presupposto che, nella danza, l’ultima parte a muoversi sia il corpo. Innanzitutto bisogna “smuovere” la testa, il cuore, la pancia, il sangue. Bisogna percepire l’urgenza emotiva al movimento senza che però questo si trasformi in catarsi personale.
Il potere comunicativo della danza si appoggia sulle capacità tecniche come se queste fossero una zattera sotto il pelo dell’acqua e quindi non visibile, mentre ben visibile ed evidente è il danzatore/attore con la sua personalità, la sua urgenza e necessità di stare in scena, la sua intuizione/azione.

Nietzsche dice “ l’uomo è come un cavo teso tra la bestia e dio”.
Il teatro e la danza sono quel cavo teso
Un punto zero in cui misteriosamente s’intrecciano
immobilità e movimento,
leggerezza e pesantezza,
velocità e lentezza.
Un luogo dove si pensa in termini di movimento,
dove la logica cede il passo all’intuito
dove l’azione è emozione.

Condotto da Rita Petrone

Docente di teatro danza, danza contemporanea, laboratori di improvvisazione e composizione coreografica.
Direttrice e docente dell’ Associazione Culturale Dance Gallery di Perugia (1994-2016): centro di formazione professionale per danzatori moderni e contemporanei.
Docente presso l’ Accademia dell’ Arte di Arezzo ( 2008-2016) sia per il master in Arti sceniche – MFA – della durata biennale, sia per il programma Spring Semester Dance Performance.
Docente di teatro danza e tecniche di consapevolezza corporea in numerosi corsi di formazione per attori organizzati, tra gli altri, da Teatro Valdoca (Cesena), Teatro di Sacco (Perugia), ArtGarage (Napoli).
Ha lavorato con molte compagnie di contemporaneo come assistente coreografa o maestro ripetitore, tra cui la Compagnia Abbondanza Bertoni e la compagnia Deja Donné.
Si è formata a Napoli in danza contemporanea, modern dance, danza classica, tip tap, improvvisazione e composizione coreografica; trasferitasi a New York ha studiato con Alvin Nikolais e Murray Louis (danza contemporanea – metodo Nikolais), tornata in Europa, ha vissuto a Parigi dove ha potuto approfondire lo studio di differenti tecniche ed ha incontrato docenti e coreografi che ne hanno influenzato in maniera evidente la poetica, tra cui Carolyn Carlson.

Sabato 19 maggio ( 16-19.30) Domenica 20 maggio ( 9.30 – 13)

Costo 50 euro + 10 di copertura assicurativa
(chi ha partecipato al primo seminario “Abitare il gesto” risulta già coperto da polizza assicurativa)

“Haustheater” Laboratorio Urbano di San Donato di Lecce
Strada Provinciale San Donato – Galugnano presso impianti sportivi comunali

Prenotazione obbligatoria

teatrodeiveleni@gmail.com – 3200264370 – 3896986894

abitare il gesto.pages
Seminario di consapevolezza scenica
Abitare il gesto
“ciò che esiti a dire, danzalo” (D. Dupuy)

Imparare a pensare in movimenti, cioè tradurre cinestesicamente le impressioni sinestetiche, fare e lasciare che il corpo parli il suo linguaggio di segni dinamici portatori di propri significati e leggere e comprendere il movimento degli altri.
Abitare il gesto offre gli strumenti utili a sviluppare una consapevolezza di ciò che il danzatore/ attore agisce prescindendo da codici precostituiti, affinché il movimento si possa costituire ogni volta daccapo come soglia di accesso per una comunicazione viva e sensibile tra chi compie l’azione e chi guarda.
Il lavoro proposto si focalizzerà sull’esattezza del gesto e dell’azione scenica a partire da un approccio analitico fondato sulla tecnica pedagogica di Alwin Nikolais. Ciò che si vuole stimolare e approfondire è la conoscenza delle possibilità espressive di ognuno e una maggiore organicità del corpo del danzatore/ attore affinché ogni movimento sia frutto di una scelta completa e consapevole.
Il seminario si divide in due parti, la prima parte in cui si sperimenteranno diversi concetti attraverso esercizi mirati e variazioni coreografiche, la seconda parte sarà dedicata alle improvvisazioni.

Condotto da Rita Petrone

Docente di teatro danza, danza contemporanea, laboratori di improvvisazione e composizione coreografica.
Direttrice e docente dell’ Associazione Culturale Dance Gallery di Perugia (1994-2016): centro di formazione professionale per danzatori moderni e contemporanei.
Docente presso l’ Accademia dell’ Arte di Arezzo ( 2008-2016) sia per il master in Arti sceniche – MFA – della durata biennale, sia per il programma Spring Semester Dance Performance.
Docente di teatro danza e tecniche di consapevolezza corporea in numerosi corsi di formazione per attori organizzati, tra gli altri, da Teatro Valdoca (Cesena), Teatro di Sacco (Perugia), ArtGarage (Napoli).
Ha lavorato con molte compagnie di contemporaneo come assistente coreografa o maestro ripetitore, tra cui la Compagnia Abbondanza Bertoni e la compagnia Deja Donné.
Si è formata a Napoli in danza contemporanea, modern dance, danza classica, tip tap, improvvisazione e composizione coreografica; trasferitasi a New York ha studiato con Alvin Nikolais e Murray Louis (danza contemporanea – metodo Nikolais), tornata in Europa, ha vissuto a Parigi dove ha potuto approfondire lo studio di differenti tecniche ed ha incontrato docenti e coreografi che ne hanno influenzato in maniera evidente la poetica, tra cui Carolyn Carlson.

Sabato 7 aprile ( 16-19.30) Domenica 8 aprile ( 9.30 – 13)

Costo 50 euro + 10 di copertura assicurativa
Presso Teatro dei Veleni – Laboratorio Urbano di San Cesario di Lecce

Prenotazione obbligatoria

teatrodeiveleni@gmail.com – 3200264370 – 3896986894

Locandina 16 marzo dal coma... WEB
Proiezione cortometraggio “Dal coma alla vetta del Deserto, la gioia di Sabrina” e incontro di approfondimento con i protagonisti dell’esperienza.
Venerdì 16 marzo ore 18,30 – Laboratorio Urbano “HAUSTHEATER” San Donato di Lecce s.p. San Donato – Galugnano presso impianti sportivi comunali

Durante l’incontro verrà proiettato un cortometraggio, della durata di 19 minuti, che è il documentario di un’avventura vissuta nel Deserto del Sahara.
Protagonisti sono Giuseppe Rutigliano e Sarah Agnolon, con all’attivo 18 esperienze nel Deserto, che hanno deciso di organizzare un’apposita esperienza per la loro amica Sabrina, accompagnati da Alessia e Daniele.
Sabrina Spada, così come anche Sarah e Giuseppe, pratica paracadutismo.
Il 2 aprile 2011 Sabrina sale su un aereo per il suo 40° lancio con il paracadute, ma subito dopo il decollo l’aereo precipita. Le conseguenze per Sabrina sono terribili: 5 operazioni al cervello, amnesia, disabilità totale. Sabrina a soli 26 anni, deve ricominciare tutto da capo, deve reimparare tutto, a stare seduta da sola, a mangiare, a parlare, a camminare, a relazionarsi con un mondo che da quel giorno in poi le darà sempre l’etichetta della disabile.
Obiettivo dell’incontro è portare la testimonianza di Sabrina, una ragazza che anziché cadere in depressione e rassegnarsi ad una vita sulla sedia a rotella prende una decisione che ribalterà il suo destino: decide di non accettare i fatti, di non arrendersi alla disabilità fisica totale, e decide di lottare per avere una vita normale e realizzare tutti i sogni ed i desideri che aveva fin da giovane.
Oggi, a 7 anni dall’incidente, in maniera del tutto incredibile, Sabrina ha sconfitto quasi tutte le sue disabilità, non è più sulla sedia a rotelle, cammina da sola, parla nuovamente, ha un lavoro che le consente di aiutare altre persone con disabilità, guida la macchina insomma ha la vita che ha sempre sognato e voluto vivere.
Nel 2015, dopo insistenti richieste di Sabrina, Giuseppe e Sarah decidono con non pochi dubbi e perplessità di portare Sabrina nel Deserto, affinchè possa realizzare un suo sogno, scalare la Grande Duna del deserto del Sahara. Quello che accade durante l’Esperienza del dicembre 2016 ha dell’incredibile ed è documentato nel cortometraggio realizzato da Giuseppe Rutigliano “Dal coma alla vetta del Deserto, la gioia di Sabrina”.

Saranno presenti all’incontro Emanuele Dell’Anna – Consigliere comunale di San Donato con delega alla Cultura e i protagonisti dell’esperienza nel Deserto:
Giuseppe Rutigliano – Lequile (Le)
Sarah Agnolon – Padova
Sabrina Spada – San Marino
Alessia Spada – San Marino
Daniele Albani – San Marino

Info: 320 0264370 – 388 9930914 – teatrodeiveleni@gmail.com

Locandina Classe di educazione vocale
Classe di educazione vocale

per migliorare le proprie capacità comunicative,
esplorare le possibilità espressive delle propria voce
per una comunicazione efficace e immediata.

Stimolare una corretta percezione e consapevolezza corporea
Correggere atteggiamenti posturali scorretti
Massimizzare l’uso delle potenzialità vocali
Risolvere problemi di affaticamento vocale
Migliorare l’emissione sonora
Esplorare e gestire l’emotività
Conoscere e gestire gli elementi espressivi della voce
Potenziare l’autostima
Potenziare le abilità espressive e comunicative

Specifiche tecniche teatrali
daranno la possibilità di scoprire
quanto la nostra voce
possa piacevolmente sorprenderci
con sonorità inaspettate

Sabato 10 Marzo
dalle 16.30 alle 19.30
Domenica 11 Marzo
dalle 09.30 alle 12.30

San Cesario di Lecce
Laboratorio Urbano – Teatro dei Veleni

info e contatti
teatrodeiveleni@gmail.com
3896986894 – 3200264370

Concerto di fine anno web

“Concerto di fine anno”
venerdì 29 dicembre 2017 ore 19.30
Laboratorio Urbano Haustheater
San Donato di Lecce
S.P. San Donato – Galugnano presso impianti sportivi comunali

ospiti della serata
Paola Colonna (Soprano)
Vanessa Sotgiu ( pianista accompagnatore)
Alessandra Cocciolo Minuz ( teatro dei veleni- voce narrante)

Musiche di J.Brahms, G.Caccini, Chopin,
Mascagni, M. Lorenc, Tosti

brani scelti
‘In nome della madre’
‘Opera sull’acqua’
di Erri de Luca

In collaborazione con il Comune di San Donato di Lecce

ingresso 5 euro
ingresso gratuito per bambini
info e prevendita
3200264370 3896986894
teatrodeiveleni@gmail.com

Locandina Cloffete

prima rassegna.pages

Locandina adulti 2017

Locandina ragazzi 2017

TEATRO DEI VELENI
Società Cooperativa Sociale a r.l.

SCUOLA DI TEATRO
a.a. 2017-18

attività per adulti, ragazzi e bambini a San Cesario e San Donato (Le)

ADULTI
‘IL CORPO SCENICO :teatro e bioenergetica’
il laboratorio teatrale di formazione attoriale

Da oltre un decennio, il ‘Corpo Scenico: teatro e bioenergetica’ propone un percorso di formazione attoriale innovativo ed efficace, applicato in ambito internazionale che prevede il connubio tra il training teatrale e le classi di esercizi di bioenergetica, offrendo un valido strumento di crescita e consapevolezza personale.
Il laboratorio teatrale si presenta come uno spazio privilegiato dove scoprire la propria emotività e sperimentare le abilità comunicative e relazionali.

Materie di insegnamento

Il training dell’attore
Il corpo scenico
L’ azione scenica
La voce
Dizione e fonetica
La maschera in teatro – storia e tecniche di utilizzo
Le tecniche di lettura
Studio del personaggio
Storia del teatro
Classi di esercizi di bioenergetica

Tempi
da Ottobre 2017 a Giugno 2018, per un totale di 150 ore.

Frequenza
da Ottobre a Marzo: un incontro settimanale di 2,5 h ( 20.00-22.30) ed un incontro intensivo domenicale mensile di 3,5 h ( 9.00-12.30);
da Aprile a Giugno: allestimento spettacolo, due incontri settimanali ( orario serale)

A fine laboratorio è previsto all’allestimento di uno spettacolo teatrale.

Prova gratuita

‘La mia voce’

Corso rivolto a coloro ( attori, professionisti, insegnanti, studenti,…) che fanno un uso professionale della voce, sono interessati a potenziare le proprie abilità comunicative e relazionali, potenziare l’autostima, aumentare la propria percezione corporea, gestire gli stati emotivi ( ansia, timidezza, disagio, ..), migliorare l’emissione sonora.
Indicato a chi ha disturbi di afonia, disfonia e raucedine.
Specifiche tecniche teatrali daranno la possibilità di scoprire quanto la nostra voce possa piacevolmente sorprenderci con sonorità inaspettate.

Materie di insegnamento

Frequenza
Da Ottobre-Dicembre
un incontro settimanale di 2 h in orario serale

Prova gratuita

RAGAZZI
‘GIU’ LA MASCHERA’

Laboratorio teatrale per sviluppare le abilità comunicative, superare le difficoltà relazionali e la gestione emotiva.

Materie di insegnamento:
Training dell’attore,
Il corpo sonoro,
Il corpo scenico,
Lo spazio scenico,
Tecniche di improvvisazione,
Elementi di mimo,
Storia del Teatro

Frequenza
Da Ottobre a Maggio
Un incontro settimanale di 2 h, in orario pomeridiano

A fine laboratorio è previsto all’allestimento di uno spettacolo teatrale.

Prova gratuita

BAMBINI
‘Propedeutica teatrale’

Incontri per educare i bambini/e alla scoperta della propria corporeità, sonorità ed emotività.
La dimensione ludico-teatrale aiuterà a gestire le emozioni, sviluppare l’autostima, la socializzazione e la cooperazione.

Frequenza
Da Ottobre a Maggio
Un incontro settimanale di 2 h, in orario pomeridiano

A fine laboratorio è previsto all’allestimento di uno spettacolo teatrale.

Prova gratuita

Info e contatti
teatrodeiveleni@gmail.com
3200264370 3896986894

Il TEATRO DEI VELENI, con lo spettacolo a tematica ambientale di teatro ragazzi “EcoCreAbility”, parteciperà alla rassegna “VERSO LE ALCHIMIE” promossa da ASTRAGALI presso il Teatro Paisiello a Lecce. Vi aspettiamo domenica 4 dicembre alle ore 17,30!

 

locandina def.pages

 

 

Da ottobre 2016

Al via i corsi base 2016/2017

presso i Laboratori Urbani “Haustheater” a San Donato di Lecce e

“Palazzo Ducale” a San Cesario di Lecce

 

 Attività per bambini, ragazzi, adulti
TEATRO 

La formazione dell’attore.

Uno spazio privilegiato per incontrare ed incontrar-si.

Training d’attore, la respirazione e la voce, l’azione scenica, tecniche di improvvisazione, studio del testo, storia del Teatro

MUSICA

Studio dello strumento (chitarra e batteria).

Elementi di teoria musicale.

Interpretazione del linguaggio musicale, la ritmica, la percezione e la distinzione dei suoni delle note sul rigo musicale.

DJ

I metodi e le tecniche per mixare la musica.

Dalla creazione di playlist a come condividere nel web la musica, con approfondimento delle varie strumentazioni come mixer, controller, software, giradischi ecc…

DISEGNO E PITTURA

Elementi di base del disegno (tratto, prospettiva, anatomia).

Elementi di base delle tecniche pittoriche (tempere,olio, acquerello, etc…)

FUMETTO

Cenni di storia del fumetto

Vignette, balloon, onomatopee, inquadrature

Idea, soggetto, sceneggiatura

Studio e caratterizzazione del personaggio

Anatomia e movimento

L’ambiente e la prospettiva

Realizzazione delle tavole

Inchiostrazione

FONICO

Principi fondamentali di acustica ed elettroacustica

Il mixer audio: funzionamento e concetti di base

Gestione della microfonia

Gestione dell’impianto audio per spazi chiusi e all’aperto

Nozioni di base su equalizzatori e processori di dinamica

TECNICO LUCI

Concetti fondamentali di illuminazione di uno spazio

Allestimento delle luci per spettacoli

Principi di funzionamento di un mixer luci

Le sorgenti fotolettriche

Il colore

 

ISCRIZIONE GRATUITA ENTRO OTTOBRE 2016

PRIMA SETTIMANA PROVA GRATUITA

Info: 3200264370 3896986894 info@teatrodeiveleni.it